martedì 31 dicembre 2013

Lis: lascia il segno in europa

Essere protagonista di una campagna di comunicazione e sensibilizzazione nazionale. Imparare le basi sull'uso dei fumetti, delle web radio e di altri strumenti di comunicazione.

Tutto questo sarà possibile partecipando al progetto "LIS - Lascia il segno in Europa" che permetterà a 60 giovani italiani di partecipare in modo attivo a realizzare una campagna di comunicazione sulle prossime elezioni europee.


"LIS - Lascia il segno" è un percorso aperto ai giovani che vogliono dire la propria opinione sull'Europa, che pensano sia importante partecipare al voto ed esprimere le proprie idee con la partecipazione alla vita attiva.

In più, il progetto sarà una straordinaria occasione per conoscere ragazzi e ragazze di tutta Italia e per conoscere come funziona l'Unione Europea e cosa fa per i giovani, per sapere quali opportunità offre ai giovani in termini di mobilità, studio, formazione, partecipazione e inclusione.

Se hai tra i 17 e i 25 anni e sei residente in Lombardia, Marche, Sicilia o Toscana, puoi presentare la tua candidatura, semplicemente inviando una email a LIS@informa-giovani.org . Nella email dovrai raccontare un po' di te e di cosa fai nella vita, delle tue idee sull'Europa.

Puoi candidarti da sola/o o con i tuoi amici.

In totale saranno selezionati 60 ragazzi e ragazze che parteciperanno fra gennaio e inizio marzo ad un percorso di formazione ed educazione non formale e si incontreranno tutti insieme a Palermo dal 13 al 16 febbraio. (Le spese di viaggio per Palermo saranno coperte al 80% e le spese di vitto e alloggio saranno coperte al 100% dall'organizzazione)

Il programma dettagliato sarà reso disponibile online sul sito del progetto. Le candidature potranno essere inviate fino al 5 gennaio.

PER SAPERE DI PIU'
www.facebook.com/lasciailsegnoineuropa
LIS@informa-giovani.org
_____________________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento