lunedì 27 febbraio 2017

Collocamento obbligatorio: i nuovi obblighi slittano al 2018

Nel Milleproroghe il differimento delle nuove norme su collocamento obbligatorio per le aziende che impiegano da 15 a 35 dipendenti e per organizzazioni ed enti no profit. Lo scorso 16 febbraio il Senato, ha approvato definitivamente, con modifiche il d.l. 244 del 2016, c.d. Milleproroghe, ed ha previsto il differimento dal 1° gennaio 2017 al 1° gennaio 2018 della decorrenza di alcune norme in materia di collocamento obbligatorio di lavoratori con disabilità.

Si tratta in particolare delle norme che  prevedono:
- l'obbligo per i datori di lavoro privati che occupano da 15 a 35 dipendenti di avere alle proprie dipendenze almeno un soggetto rientrante nella tutela del collocamento obbligatorio a prescindere dalla circostanza che il datore proceda o meno a nuove assunzioni (si ricorda che nella normativa vigente fino al 31 dicembre 2016, tale obbligo sussiste solo qualora si proceda a nuove assunzioni);
- l'obbligo per i partiti politici, le organizzazioni sindacali e le organizzazioni che, senza scopo di lucro, operano nel campo della solidarietà sociale, dell'assistenza e della riabilitazione di rispettare le quote generali di lavoratori dipendenti rientranti nella tutela del collocamento obbligatorio a prescindere dalla circostanza che il datore proceda o meno a nuove assunzioni (anche nella relativa normativa vigente fino al 31 dicembre 2016, tale obbligo sussiste solo qualora si proceda a nuove assunzioni).

Resta valida quindi ancora per un anno la regola già in vigore per cui nelle aziende da 15 a 35 dipendenti, dal momento in cui  si effettua la nuova assunzione (la sedicesima) vi è un anno di tempo per adempiere all'obbligo di assunzione di un lavoratore disabile.

Le modifiche nella tempistica delle assunzioni dei lavoratori disabili rientranti nel collocamento obbligatorio erano state modificate dal decreto correttivo del Jobs Act D.Lgs 185-2016.
Fonte: fiscoetasse.com

PER SAPERE DI PIU'
Legge Milleproroghe

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento