venerdì 24 febbraio 2017

Giphy insegna la Lingua dei segni con le GIF animate

Tra le piattaforme online più utilizzate dagli utenti per condividere GIF animate sui social network e sulle applicazioni di messaggistica troviamo senza dubbio Giphy, il servizio che offre a tutti la possibilità di caricare nuovi immagini animate o sfogliare l'enorme archivio suddiviso per categorie.

Le GIF animate di Giphy sono spesso utilizzate dagli utenti su Facebook e WhatsApp e vista il grande utilizzo di queste da parte degli utenti i vertici del noto portale di ricerca delle GIF hanno deciso di lanciare il progetto Sign With Robert, una raccolta di circa 2.000 GIF animate che offre la possibilità di imparare il linguaggio dei segni grazie alle animazioni realizzate dal team di Giphy in collaborazione con Robert DeMayo, sordo dalla nascita.

Come spiegato in un'intervista rilasciata ai microfoni di Mashable dalla direttrice e produttrice di Sign With Robert, Hilari Scarl, le GIF animate per insegnare il linguaggio dei segni seguono le regole dell’American Sign Language e dunque alcune immagini potrebbero essere tradotte in altro modo a seconda del territorio: "Il formato GIF ha l’abilità di riprodurre le animazioni in un loop infinito, dunque è perfetto per imparare nuovo segni. Non richiede di riavviare continuamente la riproduzione o di riavvolgere".

Le immagini animate della serie Sign With Robert di Giphy sono disponibili per l'utilizzo all'indirizzo web https://giphy.com/signwithrobert e per facilitarne la ricerca sono state suddivise in varie categorie tra cui troviamo espressioni, emozioni, emergenze, feste, cibi, sport e molte altre. Le GIF per imparare il linguaggio dei segni con Robert DeMayo sono stare realizzate in modo molto semplice: il movimento da compiere con le mani per comunicare ed una scritta che riporta il termine associato all'azione.
Matteo Acitelli. Fonte: tech.fanpage.it

PER SAPERE DI PIU

Sito Giphy



«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento