giovedì 3 ottobre 2013

Suor Vittorina, sorda missionaria fra i sordi

Dall’animazione liturgica domenicale insieme agli udenti alla catechesi, dai corsi biblici ai pellegrinaggi: è inesauribile l’impegno di suor Vittorina Carli (nella foto) affinché le persone sorde si sentano incluse nella vita
delle parrocchie e della Chiesa. Collaboratrice del Movimento apostolico sordi (Mas) di Vicenza e – in tutta Italia – dell’Ente nazionale sordi, la religiosa è nata sorda «non si sa bene per quale causa. Solo quando avevo due anni mia madre si è accorta che, chiamandomi ripetutamente, non le rispondevo».


Originaria di Asiago, 53 anni, vive a Marola di Torri di Quartesolo (Vicenza) in una comunità delle Maestre di Santa Dorotea Figlie dei Sacri Cuori, fondate per prendersi cura dei non udenti. Vittorina è cresciuta frequentando la scuola speciale «per l’educazione integrale» dei sordi gestita proprio dalla sua congregazione. Ma la vocazione è stata tutt’altro che automatica: «Non volevo farmi religiosa, perché sorda: mi sembrava una scelta impossibile. Dopo la maturità in ragioneria, sono andata in Terra Santa, all’Istituto “Effetà Paolo VI” per bambini sordi gestito dalle Dorotee a Betlemme.

Proprio lì ho maturato la decisione di consacrarmi a Dio». Ora fa parte della comunità Ascolto amico per la pastorale dei sordi, fondata nel 2003 dal suo istituto per rilanciare la missione tra i non udenti.

«Pian piano stanno aumentando gli amici sordi e non che collaborano con noi», riferisce la religiosa, che ogni domenica va a messa nella parrocchia Aracoeli, al centro di Vicenza: «L’assemblea è molto viva e ci aiuta a partecipare bene con la presenza di un interprete in Lingua dei segni, “pane” dei sordi». Mentre una decina di non udenti laici si accingono a frequentare il terzo anno di un corso teologico per diventare a loro volta catechisti, vanno forte i pellegrinaggi: «In Italia sono circa 86 i santuari in cui Maria si è manifestata a persone sorde. Presso quello di Adro (Brescia), nel 1519 la Madonna della Neve apparve e guarì un bambino sordomuto». [L.B.]
Fonte: Superabile Magazine ottobre 2013



PER SAPERE DI PIU'
_____________________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) 
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it. 
"Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità", ideato, fondato e diretto da Franco Zatini

Nessun commento:

Posta un commento